Fritto misto di pesce e latterini

FrittoPesce

  • Calamari
  • Gamberi
  • Latterini
  • Patate
  • Olio di arachidi
  • Farina 00
  • Farina di riso
  • Farina di semola

Intanto per fare un buon fritto ci vuole una cosa fondamentale: la materia prima di ottima qualità. Quindi più il pesce è fresco, più il vostro fritto avrà successo. Per prima cosa pulite i calamari, togliete i tentacoli e le interiora. Con un dito premete e togliete il becco dai tentacoli, passate sotto l’acqua il calamaro togliendo la pelle, che eliminerete e le alette che terrete. A questo punto il calamaro va rigirato come se fosse un calzino molto attentamente cercando di non “romperlo”. Aiutatevi con le dita e pulite sotto l’acqua eliminando residui di interiora e sabbia. Tagliate il calamaro ad anelli e mettete da parte insieme alle alette e ai tentacoli.

IMPORTANTE: Il fritto deve avere i gamberi puliti, senza il carapace.

Pulite i gamberi togliendo anche la testa; se volete potete lasciare la codina. Non buttate via le teste e il resto che le potete usare per una squisita bisque di gamberi (che vi spiegherò come fare la prossima volta). Una volta puliti, togliete gli intestini all’interno (se non fosse venuto via con la testa potete aiutarvi con un coltellino, incidendo il dorso del gambero e sfilandolo).

Preparate la panatura usando 200 g di farina doppio zero, 200 g di semola e 100 g di  farina di riso, amalgamate bene fino a raggiungere un composto omogeneo. Se avete una friggitrice il gioco è fatto. Se friggete con una padella la cosa si complica un pochino. Intanto la temperatura dell’olio non deve essere inferiore ai 170 c° e deve ricoprire per intero il fritto.

Infarinate tutto, buttate dentro delle patate (vanno benissimo fritte) e lasciatele cuocere per un po’, fino a che la temperatura dell’olio non torni ottimale. Infarinate il pesce e i latterini: aiutatevi con un setaccio o un colino a maglie fini per eliminare la farina in eccesso. Per ottenere un fritto asciutto, l’olio deve friggere forte e mi raccomando, che il pesce ne sia ricoperto interamente. Se l’olio è alla temperatura giusta bastano cinque minuti per avere un fritto perfetto.

Scolatelo sulla carta assorbente, salate e servite.

BUON APPETITO!

LINGUINE AL PESTO DI RUCOLA E NOCI CON STRACCIATELLA.

Cattura

INGREDIENTI

  • 1 busta di rucola
  • Pomodorini pachino/datterino
  • Linguine
  • Stracciatella
  • Noci
  • Sale e pepe
  • Olio extravergine d’oliva
  • Parmigiano

Arriva l’estate ed ecco una ricetta per un primo piatto fresco e veloce da preparare.

Per prima cosa mettete l’acqua con il sale a bollire. Usate un pestello, se lo avete, oppure un robot da cucina per tritare. Mettete al suo interno la rucola, le noci, il parmigiano precedentemente grattugiato (la quantità è a vostro piacimento: più ne mettete e più il sugo sarà sodo e saporito e viceversa). Azionate il mixer e a filo aggiungete l’olio evo fino ad ottenere una consistenza omogenea.

Versate il composto in una padella e appoggiatela sopra la pentola dell’acqua: così facendo il sugo si riscalderà senza rischiare che di divida (sul fuoco vivo la rucola cuocerà e si scinderà dall’olio) e vi farà anche da coperchio per la pentola.

Tagliate i pomodorini pachino a metà e mettete da parte.

Mettete le linguine a cuocere e finché non raggiungono il bollore riposizionate sopra la pentola la padella: appena inizierà nuovamente a bollire toglietela. Scolate le linguine, versatele sul sugo, aggiungete i pomodorini e saltate velocemente per un minuto a fuoco dolce.

Inpiattate e posizionate in cima alle linguine una manciatina di stracciatella.

BUON APPETITO!

SPAGHETTI ACCIUGHE E BRICIOLE.

ricetta-spaghetti-con-acciughe-e-mollica-di-pane_104f0575bef1908f1c38b9b3c7326eef

Ci scusiamo per non aver postato settimana scorsa la ricetta ma eravamo un bel po’ indaffarati a prepararvi nuove sorprese!

La ricetta di oggi è facile, veloce e sfiziosa.

INGREDIENTI X 2 PERSONE

160 g di spaghetti

2 spicchi d’aglio

5 acciughe dissalate e lavate (vanno bene anche quelle sott’olio)

Due fette di pane raffermo

Prezzemolo

PROCEDIMENTO

Fate un battuto fine con aglio e prezzemolo e fate rosolare con un filo d’olio evo. Aggiungete ¾ delle acciughe e un goccio d’acqua di cottura e con un mestolo di legno aiutatevi, mescolando fino a che le acciughe non si saranno sciolte.

Prendete le fette di pane raffermo e con un mixer riducetele in briciole (potete al limite usare anche il pan grattato). Unitelo al sugo e aggiungete un cucchiaio di acqua di cottura per ottenere la consistenza di una crema. Mettete a cuocere la pasta e aggiungete al sugo le restanti acciughe sminuzzate. Scolate gli spaghetti nel sugo, assicurandovi che sia rimasto cremoso in modo che tutto il piatto risulti ben amalgamato. Saltate velocemente la pasta, impiattate, spolverate con una manciata di prezzemolo e servite!

BUON APPETITO!

POLPO CON PATATE E POMODORINI.

polpo_patate

Ecco l’ultima ricetta prima della pausa estiva. E visto che ci rivedremo a Settembre, tanto vale lasciarvi con un piatto estivo, facile e con ingredienti tutti di stagione!

INGREDIENTI

1 kg di polpo

1 cipolla

pepe in grani

alloro

aceto rosso

5 patate grandi

pomodorini datterino o pachino freschi

prezzemolo

limone

senape

olio evo

sale e pepe

ESECUZIONE

Per prima cosa, mettete a bollire in una pentola capiente, la cipolla tagliata in 4 spicchi, l’alloro, il pepe in grani, abbondante aceto rosso (5 cucchiai) e una manciata di sale grosso. Prendete il vostro polpo e togliete occhi, becco e interiora (che si trovano nella sacca superiore) e, per non fare un macello in cucina, pestatelo bene con un batticarne.

Quando l’acqua bolle, immergete il polpo fino agli occhi, tenendolo per la sacca superiore: poi tiratelo fuori. Ripetete questa operazione per 3-4 volte; vedrete che i tentacoli si saranno arricciati su se stessi. A questo punto lasciatelo a bollire a fuoco medio-basso per 1-2 ore, per farlo diventare tenero.

In un’altra pentola, mette a bollire le patate (mi raccomando, da acqua fredda) e, mentre aspettate che polpo e patate siano pronti, tagliate i pomodorini a metà e preparate la citronette. Fate la citronette spremendo un limone e miscelate con olio evo, sale, pepe e una punta di senape.

A questo punto prendete le patate, che nel frattempo si saranno cotte, spellatele e tagliatele a cubetti (a me piacciono grossolani). Una volta pronto anche il polpo, spellatelo, mantenendo i tentacoli, e tagliatelo a rondelle. In una ciotola unite quindi il polpo, le patate, i pomodorini tagliati e mescolate bene. Servite su piatto con una bella spolverata di prezzemolo fresco e citronette!

Ed ecco a voi una insalata tiepida di polpo con patate, fresca e deliziosa!

BUON APPETITO!

I CONSIGLI DELLO CHEF

Io, come fanno in molti, metto a bollire il polpo insieme ad un tappo di sughero. Dicono che serva per far diventare la carne più tenera. Se sia vero non lo so, ma è sempre venuto bene quindi continuo così. Per controllare la cottura del polpo, potete tranquillamente usare una forchetta e infilzarlo per sentirne la tenerezza. Controllate sempre che il polpo sia immerso completamente, per evitare la cottura non uniforme e la possibile ossidazione della carne.

Quando dovrete spellare il polpo, lasciatelo nel pentolone a raffreddare. Se non avete tempo, usate dei guanti e fate velocemente, altrimenti la carne del polpo si ossida, diventando rosata e un po’ callosa. Il polpo potete spellarlo interamente, ma consiglio sempre di lasciare i tentacoli.

SPAGHETTI CON VONGOLE VERACI, ZUCCHINE E POMODORINI.

spaghetti vongole
Oggi voglio proporvi un piatto veloce ed estivo, usando prodotti freschi di stagione. Ho deciso di condivedere con voi questa ricetta perchè, ogni volta che i miei clienti assaggiano questo piatto, rimangono piacevolmente colpiti dalla sua combinazione di semplicità, gusto e freschezza. Fatemi sapere cosa ne pensate!!

Ingredienti per 4 persone

– 400 g di spaghetti

– 1/2 kg di vongole veraci fresche

– 2 zucchine

– pomodorini datterini

– vino bianco

– aglio

– olio evo

– prezzemolo

– sale, pepe qb

Per pulire le vongole:

Prendete le vongole una ad una e sbattetele nel lavello della cucina (senza romperle mi raccomando!!!). Questo procedimento serve per: 1) eliminare la sabbia dai gusci. 2) Far aprire, eventualmente, le vongole piene di sabbia. Sciacquatele poi sotto l’acqua corrente e mettetele in un contenitore a parte.

Per le zucchine:

Dopo averle lavate, tagliatele per lungo a fette di spessore fine. Sovrapponete poi le fettine ottenute e ricavatene delle striscioline. Sbollentatele in acqua salata per 1 min ca in modo da non far perdere loro colore e croccantezza.

Per i pomodorini:

Tagliateli semplicemente a metà.

Procedimento:

Prima di tutto mettete l’acqua per la per la pasta sul fuoco e al bollore buttate gli spaghetti. Fate un battutino fine con l’aglio  e lasciatelo scadare in padella con l’olio e un po’ di prezzemolo sminuzzato. Dopo qualche istante aggiungete le vongole e sfumate con il vino bianco. Appena la parte alcolica sarà evaporata, se le vongole non si saranno aperte tutte, aggiungete un mestolo di acqua di cottura e coprite con un coperchio. Appena tutti i gusci saranno aperti aggiungete il sale, il pepe, le zucchine e i pomodorini. Fate cuocere tutto per 1 min. Nel frattempo la pasta dovrebbe essere al dente. Scolatela e versatela in padella. Saltate gli spaghetti con il condimento. Aggiustate di sale e di pepe e servite con una spolverata di prezzemolo.

I consigli dello chef:

– Se preferite, quando le vongole si saranno aperte, toglietene alcune, sgusciatele e riaggiungetele nel momento in cui saltate la pasta.

– Per dare un tocco di classe, scolate la pasta molto al dente (1min prima della cottura prevista) e finite di cuocerla in padella con il sugo aggiungendo un po’ d’acqua di cottura. Così facendo gli spaghetti assorbiranno tutti i sapori e gli odori del sugo e, contemporaneamente, rilasceranno una parte del loro amidoche renderà il vostro piatto più cremoso.

– Se non gradite troppo il sapore dell’aglio, tritatene 1 spicchio, mettetelo in un ciotolino, ricopritelo di olio evo e lasciatelo riposare per 30 minuti. In questo modo otterrete un olio aromatizzato all’aglio da usare durante la cottura della vongole. Avrete così un sapore più delicato e meno intenso.